Matteo BernardL’impresa di sabato a Modena ha riacceso le speranze di A2 della Caffè Krifi dopo che la sconfitta di una settimana prima, in gara 1, sembrava aver decretato anticipatamente la fine della strepitosa stagione granata.

Il capitano Matteo Bernard parte proprio da gara 2, con il Fanton Modena, per spiegare lo stato d’animo in casa 4 Torri Volley.

“Siamo stati bravi a entrare in campo con lo spirito giusto, concentrati e limitando al massimo gli errori – spiega il centrale estense – solo così siamo riusciti a portare a casa la partita in una palestra estremamente insidiosa come quella di Modena Est, ai limiti del consentito”.

Le chiavi di volta sono sembrati i finali del terzo e del quarto set…
“Sì, soprattutto del terzo. Se fosse andato avanti il Fanton, sarebbe stata ancora più dura agguantarli. Invece abbiamo mantenuto altissima la concentrazione, senza fare e errori e spuntando entrambi i set”.

Una vittoria figlia probabilmente della voglia di riscatto emersa dopo il triste finale di gara 2
“Indubbiamente c’era un fortissimo rammarico in tutti noi dopo la sconfitta nella partita di esordio dei play off, davanti al nostro pubblico, ma soprattutto dopo aver dominato la prima parte dell’incontro. In quel caso siamo calati nel finale, soprattutto mentalmente, lasciando spazio ai modenesi”.

Dopo due gare che hanno scombinato i pronostici, cosa dobbiamo aspettarci da gara 3?
“Sarà una battaglia, combattuta colpo su colpo. Dovremo mantenere il giusto approccio mentale, senza avere fretta e senza farci prendere dallo sconforto. Anzi, sarà importante non forzare in certi fondamentali, ma adeguarci al ritmo della partita”.

Come state fisicamente?
“Complessivamente molto bene. A fine stagione solitamente si avvertono alcuni acciacchi, ma in questo caso siamo presi dal vortice di partite che aiutano a mantenere alti i ritmi. Siamo prontissimi per la sfida”.