Giornata interlocutoria come era nelle attese quella di sabato in attesa del derby con Bologna e del possibile aggancio in classifica con l’Arno Castelfranco che sabato prossimo sarà fermo per il riposo. Se così fosse l’ultima giornata diventerebbe decisiva ma solo nel caso in cui i toscani lascino qualche punto nel match con Orvieto ed i ferraresi facciano bottino pieno in casa del Camaiore in quanto lo s tesso Arno, in caso di parità, vanterebbe una vittoria in più della Carife.

Situazione difficile quindi per Zambelli ed i suoi ragazzi che hanno però l’obbligo di crederci sino alla fine per onorare al meglio un campionato che li ha visti comunque protagonisti sino ad ora. Per quanto riguarda la gara di sabato, che si è rivelata più difficile del previsto, era fondamentale portare a casa i tre punti e così è stato. L’inizio eqilibrato del match, agonisticamente valido nonostante per i padroni di casa non ci fosse più in gioco nulla, è rotto nel finale del primo set grazie ad un aces di De Rosas ed ai muri di Zanotto ed Agosti che aveva appena avvicendato capitan Tosi. Ma i toscani non ne vogliono sapere di mollare, anzi nonostante una buona partenza nel secondo set per la 4 Torri, si scatenano in difesa tanto da annullare un cospicuo vantaggio di 4 punti al secondo time out tecnico. L’aggancio sul 24 pari porta le squad re ai vantaggi. Questa volta tocca a Bergantino inventarsi un aces sul 28 a 26 e spegnere le velleità del Migliarino. Sembra fatta anche perchè non ci sono segnali di deconcentrazione almeno sino alla prima pausa tecnica. Segnali che invece immancabilmente arrivano a causa della ricezione e con qualche errore in attacco di troppo.

Coach Zambelli corre ai ripari rivoluzionando il sestetto che aveva già visto partire Molezzi per Baraldi ma ogni mossa si rivelerà vana: si va sul 2 a 1 con un brutto parziale che si chiude 16 a 25. Il Migliarino si rivitalizza a tal punto che nella quarta frazione continua a condurre il gioco. Le cose appaiono davvero più complicate del previsto e sul 20 a 18 per i pisani sono davvero in molti a pensare che sarà il tie break a determinare la vittoria. Fortunatamente Fratucelli e Zanotto in attacco e le battute di Bergantino nel finale riescono a dare il colpo di reni con quattro punti consecutivi che costringono alla resa i padroni di casa.

Ora bisognerà preparare al meglio la gara con Bologna che verrà disputata nell’insolito orario delle ore 21:00 in quanto le ultime due giornate di campionato per regolamento si devono svolgere nei medesimi orari su tutti i campi di gioco.

RISULTATO: MIGLIARINO PISA – CARIFE 4 TORRI FERRARA 1 – 3 22/25 26/28 25/16 21/25

FORMAZIONE: Molezzi 2, Tosi 3, Agosti 3, Vaccari 16, Zambelli 5, Zanotto 10, Baraldi 5, Bergantino 11, Fratucelli 5, Smanio 3, De Rosas 2, Poli libero